Logo
World Running Academy Magazine

(G2G Ultra) Grand to Grand Ultra 2013 - Raffaele Brattoli

Raffaele Brattoli | Ottobre, 2013

La prima e unica corsa a tappe in autosufficienza in nord America.

Il Grand to Grand è un ultratrail di 275 km con quasi 6.000 mt di dislivello in autosufficienza, molte sono le nazionalità rappresentate. Noi schierati ai bordi del mitico Grand Canyon National Park dove i grandi del cinema come John Wayne, Burt Lancaster, Kirk Douglas girarono gran parte dei loro film Western, a partire dal 1932 con il primo film "Ombre Rosse" di John Ford, "La Conquista del West", "Sfida all'O.K. Corral" e tanti altri.


Ma ora scendiamo da cavallo e mettiamo i piedi a terra, i nostri occhi sono rivolti ad una delle 7 meraviglie del mondo, 2 miliardi di anni di storia il fiume Colorado che scorre lì da 5 milioni di anni, terre appartenute fino alla fine del 1900 ai gloriosi indiani Apache, Navajo e Hopi. La gara si svolge su un percorso a triangolo tra il Nevada, l'Utah meridionale e l'Arizona settentrionale; tocchiamo anche la mitica Route 66 la strada più famosa d'America con i suoi 3.941 km.

G2G - Grand To Grand Ultra 2013 G2G - Grand To Grand Ultra 2013

Le tappe sono sei: 50, 44, 85, 42, 42, 12 km, siamo nel grande Far West, nelle grandi praterie da qui la corsa prende il nome di Grand to Grand, gara che si svolge su un percorso che passa dagli sterposi e spinosi bush, alle grandi dune di sabbia rosa del Coral Pink, le Sand Dunes, tra le più alte al mondo; abbiamo attraversato foreste e scalato montagne, fatto del fuoripista in un vero Cross Country.


Ma torniamo indietro, il ritrovo è a Las Vegas presso il più grande Casinò del Mondo, città che assomiglia ad un luna park a cielo aperto con negozi sempre aperti che di notte luccicano in mille tonalità. Ci riuniamo nella hall dell'albergo, c'è un grande fermento, chi chiacchiera, chi mangia, chi controlla il proprio materiale per la gara, nell'aria si respira molto nervosismo per la gara imminente.


Si parte per Kanab (Utah), una delle città più remote d'America, ceniamo in un locale tipico Western a base di cibo locale, ovvero con carne e fagioli e tante patate, un briefing diretto da Mr Colin e Mrs Tess, alle pareti si vedono foto di tanti attori: Kanab è infatti soprannominata la piccola "Hollywood" per le tante serie televisive e film girati.


Raggiungiamo il camp 1 a bordo di grandi Jeep, davanti a noi vediamo il Grand Canyon e il Colorado River; è il mattino del 22 settembre, siamo pronti a partire con il nostro zaino di 9 kg in spalla e il fuso orario di 9 ore ancora da smaltire.


Mi avvio alla partenza con 39,5° di febbre, ho la respirazione problematica a causa delle grosse placche in gola, mi sento molto debole e confesso di aver per qualche istante pensato all'abbandono ma parto e, tra cactus dalle spine lunghissime e Single Track, passano i primi 50 km, al campo c'è già chi scommette sul fatto che non supererò la seconda tappa.


Passata la gelida nottata siamo alla seconda tappa, 43 km tra cactus e ancora spine, si parte salendo attraverso il Navajo Trail, poi il grande Staircase Viewpoint dove la vista mozzafiato ci ripaga la fatica, purtroppo in questo tragitto una caduta e una contrattura al bicipite femorale mi hanno affaticato parecchio, ma per fortuna un atleta americano (il n° 100) mi ha prestato una benda elastica che mi contiene il dolore.


All'arrivo in tenda incominciano le "riparazioni" ai piedi, l'alluce destro sembra un mandarino con l'unghia completamente sollevata da una vescica piena di sangue; finita la mia "riparazione" inizio con quella di Gianfranco, anche i suoi piedi sono messi male, ma per fortuna arriva la cena ad allietarci. Un po' di polenta arricchita con olio, parmigiano e bresaola disidratata per apportare al mio corpo un po' di calorie. Mangiamo 2.500 calorie al giorno ma ne consumiamo dalle 7.000 alle 8.000, una tachipirina per abbassare la febbre e dentro il sacco pelo fino alle 6 di mattina orario della sveglia, data da una musica assordante.

G2G - Grand To Grand Ultra 2013 G2G - Grand To Grand Ultra 2013

Dopo una notte tormentata a causa del vento ululante che scuote le tende da campo, il sole sorge e sorride alla terza tappa di 85 km; mi tiro in piedi indebolito da questa maledetta infezione alle vie respiratorie e decido di impostare la tappa con un ritmo blando per risparmiare energie, la tappa è dura. Subito si inizia a salire e scendere tra strette mulattiere nella foresta, grandi dune.


Decido di salire in cima ad una delle più alte gattonando per 10 minuti buoni per valicarla e, una volta in cima, sfinito per lo sforzo, spengo la mia lampada frontale e mi abbandono sulla morbida e fredda sabbia pensando che se devo morire vorrei farlo in un posto come questo. Mi risveglio dopo 15 min a causa del vento gelido e riprendo la corsa arrivando al campo dopo quasi 24 ore accolto dalle urla dei volontari pronti ad accogliermi al traguardo facendomi tornare il sorriso e la voglia di continuare. Per fortuna ora mi aspettano 24 ore di riposo. Molti si sono ritirati nella notte ma fortunatamente la tappa più dura è passata e la consapevolezza di potercela fare si fa sempre più grande in me.


Quarta tappa di 42 km come una maratona fatta mille volte, ma la difficoltà della sabbia su tutto il percorso mi dà l'impressione di averne fatti almeno il doppio; ma il più è fatto, e domani mi aspetta solo un'altra maratona. Mi avvolgo nel sacco a pelo per affrontare un'altra notte gelida e silenziosa. Alle ore 6 il risveglio con la solita musica americana, colazione con barrette e caffè, stretching e sistemazione dello zaino; poi il lungo serpentone si avvia.


Oggi per fortuna la febbre è calata ma il fisico ancora reagisce poco, le energie perse e non recuperate fanno la differenza nella classica distanza, ma per me è diventata un'altra sfida, quella di finire una delle gare più difficili al mondo solo con la testa e contro il pronostico di tutti quelli che iettavano contro. Il solo Paolo mi è stato molto vicino, ricordo il primo giorno quando mi disse: "Raffaele, ora per una settimana sei tu la mia famiglia" e, con gli occhi lucidi, gli ho risposto: "Non ti preoccupare, ci aiuteremo e staremo vicini, la nostra amicizia ci porterà al traguardo".


Giunta la 6° e ultima tappa, un grosso respiro di sollievo mi accompagna per questi ultimi 12 km che si svolgono su stretti sentieri sassosi a picco delle Pink Cliffs, parte del Bryce Canyon National Park.


All'arrivo sotto la finish line faccio sventolare la bandiera italiana con le braccia alzate in segno di vittoria; sono felice, è stata una grande vittoria per me, arrivare al traguardo tra i cosiddetti amici... quelli che mi conoscono, mi dicono che sono stato maledettamente sfortunato: febbre, caduta, contrattura. La mia risposta è che la mia è stata solo fortuna, quella della testardaggine che mi ha portato fino in fondo; è grazie a lei che ho assaporato, dopo tanta amarezza, la felicità allo stato puro, quella del finisher con l'abbraccio finale degli amici che hanno condiviso quest'avventura nello Utah, dove lo spirito dei grandi capi Indiani cavalca ancora nelle grandi praterie e dove le aquile volteggiano alte sopra i canyon ti fanno sentire libero di volare.


Si riparte con il trolley carico di esperienza e di cultura e con un'altra storia da raccontare, aspettando la prossima.


Raffaele Brattoli

G2G - Grand To Grand Ultra 2013 G2G - Grand To Grand Ultra 2013
G2G - Grand To Grand Ultra 2013

Racconti | 1 Commenti

Oscar - sabato 9 novembre 2013 20.59

complimenti per aver portato a termine questa avventura .ho visitato anchio questi luoghi e sono semplicemente spettacolari!!! buona continuazione per i trail.

Lascia un commento




Recenti
Popolari
Categorie
Amref Sport Senza Frontiere
Rete del Dono per Art 4 Sport Maratonabili
Lo Sport Insegna